Riva yacht: genio e leggenda, tra lusso e tecnologia

Riva yacht: genio e leggenda, tra lusso e tecnologia

Riva è la storia della nautica made in Italy. Non è solo la marca storica del motoscafo: ne incarna il mito, la tecnica e il fascino stesso. Parlarne semplicemente come di una marca di imbarcazioni è riduttivo: Riva è uno stile di vita. È cura, attenzione, orgoglio di produrre motoscafi perfetti e dalle massime prestazioni.

La leggenda di Riva nasce nel lontano 1842, quando a Sarnico, sulle rive del Lago D’Iseo, sbarca un giovane maestro d’ascia originario di Laglio.
In quei giorni, un devastante fortunale ha danneggiato gran parte delle imbarcazioni della zona, e in poco tempo il giovane riesce a conquistarsi la fiducia dei Sebini riparando abilmente le loro barche. Quell’ uomo era Pietro Riva, il fondatore dell’azienda.

Fu proprio Sarnico la sede dello storico cantiere navale e luogo di nascita delle prime creazioni Riva, che si distinsero subito per classe e personalità.Riva_Cantieri
Il successo del cantiere continuò – e crebbe – quando alla guida dell’azienda paterna subentrò il figlio Ernesto, che nel 1880 rivoluzionò la produzione Riva montando sui propri scafi i primi motori a scoppio. Al termine della Grande Guerra fu invece il terzo erede, Serafino Riva, a dare la svolta definitiva al marchio di casa, trasformando i pregiati prodotti del cantiere in un vero e proprio brand, e virando la produzione dal trasporto alla motonautica, all’epoca ancora agli albori. A cavallo degli anni Venti e Trenta Riva, con i suoi motoscafi da corsa, firmò con il nome famiglia molti record e vittorie, in gare nazionali e internazionali.
Il brand Riva diventava così l’oggetto del desiderio del pubblico altospendente, che lo identifica non solo con la classe del natante di lusso, ma anche con la libertà e la gioia di vivere del motoscafo da crociera ad alta velocità.

 

hp_storia

Ancor oggi, il cuore di Riva è il Cantiere di Sarnico, e il cuore del Cantiere è l’ufficio dell’Ingegner Carlo Riva, che lo progettò personalmente. Denominato “la Plancia”, lo studio è collocato al centro della grande volta del capannone, con un’arcata larga 40 metri retta da altri due pilastri laterali, che sostengono anche due carroponti, ciascuno dei quali è in grado di sollevare barche di oltre 20 tonnellate. Il cantiere, protetto dalla Sovrintendenza ai Beni Ambientali, viene utilizzato per il trasporto in banchina delle imbarcazioni finite e per tutta la movimentazione interna di gusci o elementi ingombranti.

4204

L’innovazione degli yacht Riva è stata fare dell’imbarcazione una raffinata dimora galleggiante, fortemente influenzata dal design tradizionale e dalle mani di chi, con esperienza e capacità uniche, le ha realizzate di generazione in generazione. Lo yacht  Riva ha segnato tappe fondamentali nella storia del design nautico internazionale e vanta tuttora un successo indiscusso.

Lo scafo Riva è un perfetto incontro di capacità imprenditoriali, tecniche e creatività che l’ingegner Riva, benché impegnato fin oltre i novant’anni, è riuscito infondere in ogni sua creazione, dimostrando sul campo il proprio talento e garantendo all’azienda un’immagine e una credibilità inattaccabili, perché sempre confermate da risultati tangibili. Nel cantiere di Sarnico nulla è mai stato lasciato al caso, tutto viene studiato e curato nei minimi dettagli con attenzione maniacale oggi come allora: si racconta che nei cantieri Riva, per esplicito dettame dei Riva, si preferisse distruggere un esemplare piuttosto che farlo uscire dal cantiere imperfetto.

Un’eccellenza tecnica che nei decenni è diventata marchio di fabbrica, a cui l’ingegner Riva ha aggiunto la nota creativa, mai eccessiva, di un design ricercato ma essenziale, dalle linee pulite, che soddisfaceva perfettamente chi cercava le sue imbarcazioni per un bisogno, il desiderio di garantirsi lo staus symbol di un gioiello Riva.
Riva ha così permesso alle sue barche di divenire oggetto del desiderio di coloro che dal 1950 ad oggi aspirano al meglio: famiglie reali, attori, campioni dello sport, uomini d’affari e celebrità del cinema.
La vera eccezionalità delle barche Riva sono gli interni, veri e propri prodotti di artigianato d’altissimo livello con rifiniture d’arredo; accessori che attingono dalle migliori tradizioni artigianali italiane, facendo di Riva un marchio del lusso immediatamente riconoscibile e unico sul mercato.

Riva-Carlo-6

 

In definitiva, possiamo considerare Riva un esempio perfetto di posizionamento attivo, anche se molto diverso dalle modalità odierne, e con una comunicazione di marketing più discreta, come si usava nei decenni passati.

La forza di Riva è stata realizzare il posizionamento del proprio brand  «nei fatti», imprimendo nel prodotto stesso una storia, ma anche reinventandola periodicamente per rinnovarsi in qualità, tecnologia e design. Il tutto, senza perdere di vista la filosofia che ha distinto il cantiere sin dalla sua nascita e che era diventata, fuori dallo stabilimento produttivo, un vero e proprio asset immateriale del brand.

Anche negli ultimi anni, quando ormai la famiglia Riva non era più alla guida diretta del gruppo, l’azienda ha continuato a sviluppare una vasta gamma esclusiva e diversificata d’imbarcazioni, restando fedele alla sua propria brand identity e alle caratteristiche distintive che ne hanno fatto un marchio rinomato nel mondo.

 

Riva_Aquarama_0_1002

Scritto da Federico Frasson

Lascia un commento